La TENS

La TENS, o “Stimolazione Elettrica Nervosa Transcutanea”, è una terapia fisica che sfrutta la propagazione di correnti elettriche nell’organismo, a scopo prevalentemente antalgico.

Si effettua applicando sulla cute del paziente degli elettrodi che scaricano impulsi di corrente a bassa intensità, avvertibili soltanto come un leggero formicolio.
Questi impulsi attivano le fibre nervose deputate alla stimolazione dolorosa saturandole, cosicché si “disattivino” bloccando la trasmissione del segnale doloroso (teoria del cancello).
L’effetto antalgico è pertanto riconducibile alla stimolazione dei nocicettori periferici e alla liberazione di endorfine.

La TENS è una terapia che spesso viene consigliata nei pazienti con algie forti, acute o croniche. Specialmente in tutti quei casi in cui il dolore persistente limita il movimento e ostacola la ripresa funzionale.
Prima di iniziare la terapia è sempre necessario il colloquio con il fisioterapista e la prescrizione fisiatrica o del medico specialista.

Obiettivi

Il principale obiettivo della TENS è la riduzione del dolore.
In particolare, è risultata piuttosto efficacie sia su algie acute e croniche, con il vantaggio di ridurre la quantità di farmaci assunti o di rappresentare una valida alternativa in caso di allergie o intolleranze a questi.

Patologie Interessate

La TENS è indicata in tutti gli stati dolorosi:

  • Dolore acuto post-operatorio
  • Dolore cronico
  • Dolore muscolare
  • Artrite reumatoide
  • Algie da artrosi
  • Algie di origine vascolare
  • Fibromialgia
  • Lombalgia e lombosciatalgia.

Controindicazioni

I casi di controindicazione della TENS sono quelli tipici delle elettroterapie:

  • Alterazione del tono muscolare (ipertono);
  • Donne in gravidanza;
  • Neoplasie;
  • Cute lesa (gli elettrodi non possono essere applicati sopra una ferita);
  • Pazienti portatori di pacemaker o con cardiopatia severa (è possibile applicare le TENS se la corrente non attraversa la zona cardiaca).