Elettrostimolazione – Riabilitazione

Home » Elettrostimolazione – Riabilitazione
Elettro stimolazione

La elettrostimolazione è una tecnica fisioterapica che genera impulsi elettrici capaci di fare contrarre i muscoli emulando la contrazione volontaria. Si utilizzano due o più elettrodi che vengono posizionati sul punto motore del muscolo o muscoli da trattare.

L’intensità e la durata dell’impulso elettrico deve essere correttamente impostato da fisioterapisti esperti in base agli obiettivi da ottenere ed i muscoli da trattare, ed in modo che la contrazione sia adeguata e seguita da un tempo sufficiente di riposo.

Questo è fondamentale perché si ottenga dall’elettrostimolazione la massima efficacia riabilitativa.

La elettrostimolazione è utilizzata nella riabilitazione e nel recupero sportivo, ed in tutti quei casi in cui il paziente non riesce autonomamente ad effettuare una contrazione adeguata del muscolo.

Alcuni obiettivi fisioterapici che si possono ottenere con una corretta elettrostimolazione sono: aumento della massa muscolare, incremento della forza e potenza, l’aumento del flusso sanguigno e riduzione dei tempi di recupero, riduzione degli spasmi muscolari.

Per questo motivo le patologie più comuni dove l’elettrostimolazione trova applicazione sono: indebolimento muscolare a seguito di patologie o traumi, atrofie muscolari, contratture, scoliosi e squilibrio del controllo propriocettivo.

In ambito non patologico, la elettrostimolazione viene utilizzata principalmente come coadiuvante dell’allenamento sportivo, per l’incremento della massa e/o potenza muscolare.

La elettrostimolazione è controindicata in alcune patologie tra cui: problemi neurologici, patologie cardiache e portatori di pacemaker, epilessia, ipertensione arteriosa e gravidanza.

I fisioterapisti che operano in Overphysio – Prato, sono gli esperti in grado di consigliare ed applicare correttamente la metodica della elettrostimolazione.